Colors on the Road

scoprire ogni giorno mille colori nella vita…

Tutti i cinema della mia vita

cinema excelsior

Da bambina era il Quirinetta, ci si andava a Natale a vedere i cartoni della Disney, era in pieno centro storico e il rito completo prevedeva che all’uscita si andasse al bar a prendere la cioccolata calda. L’hanno chiuso più o meno vent’anni fa.

Il cinema Rex, un piccolo cinema parrocchiale dietro casa, era così vicino che mi era permesso andarci da sola con le amiche del cuore. Le poltrone di legno erano scomodissime e l’audio pessimo, ma l’esperienza era talmente eccitante che nessun luogo mi sarebbe potuto sembrare altrettanto perfetto. Questo cinema di quatiere resiste con ostinazione, e con le sue poltrone di legno.

Al Mignon ci sono andata per il mio primo appuntamento romantico con un compagno delle medie: non ho nessun ricordo del film che abbiamo visto nè del cinema. E infatti dopo pochi giorni ci siamo lasciati.

Durante il periodo australiano della mia vita, sei memorabili mesi da exchange student, c’è stato l’Astor Theatre di Melbourne, un vecchio cinemanella stessa via della mia scuola. Un posto magico in cui ho vissuto la soddisfazione di passare dalla totale incapacità di dare un senso ai dialoghi alla disinvolta comprensione degli assurdi film a cui la mia stravagante sorella mi portava. All’Astor andavo anche con il mio very australian boyfriend: era mia sorella ad accompagnarci con la sua scassatissima macchina e una volta si è dimenticata di venire a riprenderci. Bei ricordi.

Poi è venuta l’università. In quegli anni a venire in soccorso degli studenti squattrinati era l’Excelsior: incastrato in una viuzza del centro nutriva gli studenti affamati di stimoli con film di qualità a poco prezzo. Il cinema c’è ancora ma viene usato come aula universitaria. E l’idea che agli studenti di oggi sia negato quello spazio trasudante bellezza mi rende triste.

In Francia è stato il turno del Cratère, ciliegina sulla torta della nostra vita dal sapore  bohemien. Era, ed è tuttora, un piccolo cinema d’essai poco distante dal nostro monolocale sulla Grande Rue St. Michel, del tipo che si poteva scendere in pigiama ed era come accomodarsi sul divano di casa per quant’era intimo e nostro.

Negli ultimi anni il cinema è diventato una missione complicatissima, con bambini da piazzare e orari da incastrare, ma una svolta è apparsa di recente all’orizzonte, troppo presto per dire se sia un lieto fine o solo una parentesi fortunata, fatto è che da circa un mese ho iniziato a stringere un rapporto di timida amicizia con il cinema del mio paese. E’ bastato accorgersi che i martedì se ne stavano lì in mezzo alla settimana senza impegni prefissati, scoprire che guarda caso il giovedì è proprio il giorno della rassegna d’essai, e la serata è diventata mia d’ufficio. E probabilmente vi sembrerà ben poca cosa, ma vi posso assicurare che passeggiare DA SOLA fino al cinema, perdermi in un buon film e rialzarmi solo quando i titoli di coda sono passati è per me cosa enorme!

Se avete voglia di raccontarmi i cinema della vostra vita…io sono mooolto curiosa! Buongiorno a voi!

16 commenti su “Tutti i cinema della mia vita

  1. esercizidipensiero
    12 dicembre 2012

    Il mio è il cinema Dante, vicino alla stazione, a dove lavori tu. Cinema del dopolavoro ferroviario, film ricercati, un sacco di ex professori pensionati. Ridotto soci coop. Molta gente sola che guarda il film e poi se ne va, io quando il filmone lo richeide mi alzo ed esco che piango e il bigliettaio mi sorride teneramente. Spesso guardo i film che agli amici non interessano, troppo snob dicono, troppo di spessore. A pochi metri un take away indiano e se sono in compagnia poi ci si ferma a mangiare qualcosa, giusto per tornare a casa con il fritto nei vestiti.

    • colorsontheroad
      15 dicembre 2012

      Buono a sapersi…non dirmi che anche a te piace andare a vedere quei filmoni lenti introspettivi concentrati che piacciono a me? Evviva, ne ho trovata un’altra!!! Allora mi chiami per il prossimo mattone dietro la stazione (il take away indiano va benissimo)?

      • esercizidipensiero
        15 dicembre 2012

        la bicicletta verde è fuori questa settimana, alle 20. mercoledì? o giovedì (ma bisogna chiamare per sentire se è ancora fuori giovedì). Deve essere un film delizioso, io ci vado comunque. Imperdibile per due cicliste come noi…

      • colorsontheroad
        15 dicembre 2012

        mercoledì sono sola con i bambini, se lo fanno anche giovedì vengo volentieri!

  2. labambinacolpalloncino
    12 dicembre 2012

    Tutti i cinema della mia infanzia, adolescenza erano distanti circa 100 mt dalla casa in cui abitavo a Salerno. Una vera fortuna per un’appassionata come me, potevo andarci tranquillamente anche da sola. Tutti quei cinema attualmente hanno chiuso chi per motivi legati a problemi di eredità famigliari chi per far posto a sale bingo. Nel paesino dove ero andata a vivere prima di venire a Roma resisteva una piccola sala a conduzione familiare anche se non era frequentatissima, ricordo ancora di aver visto da sola con mio marito Nuovomondo😦

    • colorsontheroad
      15 dicembre 2012

      i piccoli cinema sembra che non ce la facciano, eppure conosco molte persone che scelgono quelli piuttosto che le grandi sale. A volte qualche appassionato mette anima e corpo per salvare qualche perla di cultura e di solito è un successo (è il caso di un piccolo teatro dalle mie parti)…forse i nuovi tempi richiedono nuove strategie…

  3. Patrizia M.
    12 dicembre 2012

    Ho iniziato presto ad andare al cinema. Ho iniziato con il piccolo teatrino delle suore, dove avevano creato una piccola sala per proiettare i film. Ci si divertiva da matti, cecini e semi di zucca e tanti film divertenti adatti ai bambini.
    Poi ho continuato andando con mio padre e in seguito con le amiche, alternativamente nelle due sale del paese, purtroppo con gli anni entrambe sono state chiuse. Nonostante tutto appena c’era l’occasione si trovava il modo di andare a vedere i film nelle sale vicine. Ora c’è la multisala e anche se vado meno rispetto agli anni passati, quando riesco vado sempre volentieri a vedermi un bel film. Solitamente al martedì, serata con poco caos e con il costo del biglietto d’entrata a prezzo speciale per le donne🙂
    Ciao, Pat

    • colorsontheroad
      15 dicembre 2012

      Vuoi mettere cecini e semi di zucca contro bicchieroni di pop corn??? Grazie per avermi raccontato dei tuoi cinema🙂

  4. Filippo
    12 dicembre 2012

    Pensa che io al Rex ci ho visto balla coi lupi!.. 4 ore in primissima fila sulle comode sedie di legno!..🙂

    • colorsontheroad
      15 dicembre 2012

      allora sai di cosa parlo😉 ma adesso le hanno cambiate? è da parecchio che non ci vado!

      • Filippo
        15 dicembre 2012

        a quanto ne so sono ancora le stesse..🙂

  5. Allegria di nubifragi
    12 dicembre 2012

    Il mio cinema, quello dove mi portavano da bambino, ora è una concessionaria. Il segno dei tempi. Che si fottano.

    • colorsontheroad
      15 dicembre 2012

      possedere una macchina di questi tempi tira di più che nutrire il cervello, e ha un senso, perchè ci hanno instillato il bisogno della macchina più che quello della cultura. che si fottano.

  6. Riyueren
    13 dicembre 2012

    Noi andavamo al cinema San Giovanni Battista, vicino a casa.Poi c’era il Verdi, poi qualche altra sala a Pegli o in centro. Adesso purtroppo più nulla, ma la colpa è solo delle mie orecchie..e della mancanza di sottotitoli.😦

    • colorsontheroad
      15 dicembre 2012

      😦 se anche da noi si diffondesse la cultura di proporre i film in lingua originale con sottotitoli, questo faciliterebbe anche chi ha problemi di udito. Fantascienza da noi, purtroppo.

  7. primaepoi
    16 dicembre 2012

    Ricordo con nostalgia l’ultimo periodo di apertura del cinema in paese. Ci portavo mia figlia, e qualche suo amichetto quasi sempre, tutti i sabato pomeriggio d’inverno. Era una festa di pocporn e carte di caramelle sfogliate durante tutto lo spettacolo. Ora il cinema è chiuso da qualche anno: vincono le multisale delle due città vicine. Che tristezza.

Hai voglia di dirmi cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 12 dicembre 2012 da in cinema, vita con tag , .

Colorsontheroad su facebook

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Segui assieme ad altri 259 follower

Questione di diritto d’autore

Tutte le immagini e i testi contenuti in questo sito sono coperti da Copyright, pertanto non possono essere utilizzati, riprodotti, copiati, modificati, trasmessi, alterati senza il mio esplicito consenso. Per eventuali richieste siete invitati a contattarmi scrivendomi a giorgiacolors@gmail.com.

Archivi

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: