Colors on the Road

scoprire ogni giorno mille colori nella vita…

La crisi del pecorino sardo

Ascoltavo Caterpillar qualche sera fa e durante l’intervento di Fortunato Ladu mi sono commossa. Fortunato Ladu è un pastore sardo ed uno dei fondatori del Movimento Pastori Sardi, era presente alle contestazioni di Sassari durante la visita del Presidente Napolitano di pochi giorni fa ed è in prima linea nella mobilitazione del Movimento per le grandissime difficoltà in cui versa il settore pastorizio sardo.

Non ritenendomi in grado di spiegare con chiarezza e precisione tutto quello che anima l’insofferenza dei pastori, ho deciso di diffondere qui sul blog alcuni link di approfondimento, e lo faccio per due motivi: il primo è che, come spesso accade, la voce della protesta fatica a trovare spazio nell’informazione a più ampia diffusione, il secondo è legato al rapporto profondo della mia famiglia con la terra sarda (sono figlia di madre sarda, i miei genitori vivono in Sardegna e la terra isolana è per me un luogo di rinascita, dove molte volte ho percepito quel senso di appartenenza che è assai debole nei luoghi in cui vivo).

Buona lettura e buon ascolto (il secondo e terzo link sono dei podcast)

La rabbia dei pastori disperati. Tanta fatica e bilancio in perdita.

Caterpillar Podcast “Fortunato Ladu pastore in Sardegna”

Pastorale sarda Radio Tre

Annunci

5 commenti su “La crisi del pecorino sardo

  1. robert che vola
    27 febbraio 2012

    E’ tardi ed ho letto solamente una arte del primo link: merita attenzione, devo leggerlo da sveglio. Un primo pensiero a pelle: noi, almeno io “cittadino” penso al pastore come un uomo libero, un esistenza poetica nella natura. Alcuni addirittura in Sardegna. L’isola delle vacanze per tanti. Invece è duro lavoro, sacrificio, impegno. Dovrò ricordarmene. Grazie per i link. Leggerò con attenzione e forse da domani il pecorino avrà un sapore diverso. ciao
    robert

    • colorsontheroad
      28 febbraio 2012

      E’ vero, la Sardegna è conosciuta soprattutto per il mare, ma i sardi sono gente che al mare ci si è abituata da poco, hanno un rapporto molto stretto con la loro terra, sono tipi tosti e molto ospitali!

  2. silviasima
    28 febbraio 2012

    La pastorizia è solo uno dei tanti settori entrati nel vortice della crisi in Sardegna, come dimenticare i lavoratori del Sulcis-Iglesiente, o le piccole imprese artigiane che stanno letteralmente scomparendo, aprendo lo spettro di nuove emigrazioni di massa. Credo che i pastori sardi siano il simbolo della nostra crisi, sperando che la loro voce, insieme a quella degli altri, venga ascoltata da chi ha il dovere di farlo.

    • colorsontheroad
      29 febbraio 2012

      Hai ragione, ho certamente un po’ semplificato la cosa, però nel link a Pastorale Sarda la questione è affrontata in maniera più ampia! Credo che se ne parli troppo poco, e il desiderio è che i pastori sardi riescano ad attirare l’attenzione sulla crisi in sardegna. Grazie per il passaggio e a presto!

  3. Gabriella
    17 giugno 2012

    Penso che non sia il pastore sardo un UOMO LIBERO..ma che”libere” siano le pecore!! Se penso a come le trattano i bravi pastori sardi..mi viene da piangere E NON PERCHE’ MI COMMUOVO!!Li vedo..li vedo ..i pastori..vedo come trattano le pecore,gli asini e i cani!! AUGURO LORO DI ESSERE TRATTATI NELLO STESSO MODO!!

Hai voglia di dirmi cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 26 febbraio 2012 da in condividere, idee, sostenibilità, vita con tag .

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Segui assieme ad altri 259 follower

Questione di diritto d’autore

Tutte le immagini e i testi contenuti in questo sito sono coperti da Copyright, pertanto non possono essere utilizzati, riprodotti, copiati, modificati, trasmessi, alterati senza il mio esplicito consenso. Per eventuali richieste siete invitati a contattarmi scrivendomi a giorgiacolors@gmail.com.

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: