Colors on the Road

scoprire ogni giorno mille colori nella vita…

Quando a raccontare una storia sono “i piedi”

La scoperta del fotografo inglese di cui voglio parlare e nel cui sito mi sono letteralmente persa in questi ultimi due giorni, la devo ad una segnalazione della bambina col palloncino (grazie Anna!) che mi ha scritto di averlo in qualche modo collegato a me (grazie al quadrato Anna).

Tom Robinson Photography

Tom Robinson Photography

Lui si chiama Tom Robinson ed è un giovane fotografo trentenne che ha già accompagnato la sua macchina fotografica in molti angoli del mondo e che ha tutte le intenzioni di continuare a farlo, visto che dice nella sua presentazione di aver solo scalfito la superficie del mondo. Le sue foto mi hanno colpito per la sensibilità e l’attenzione umana, oltre che per l’armonia cromatica, ma ad avermi definitivamente conquistata è la sua opera  Feet First come diario di un cammino. In pratica Tom fotografa i suoi piedi e quelli della sua compagna nelle più svariate situazioni della loro vita ( soprattutto di viaggio) prestando un’attenzione molto fotografica al contesto in cui i piedi sono inseriti. Da alcuni mesi nel diario fotografico sono stati inseriti i piccoli piedi della loro bambina. Consiglio la visione nel suo sito degli scatti in progressione temporale: è come essere presi per mano ed accompagnati lungo il loro cammino, io l’ho trovato emozionante.

Tom Robinson Photography

Se poi qualcuno dovesse avere voglia di divertirsi, il mio consiglio è di andare a vedere le foto scattate nel momento esatto in cui ha comunicato a parenti ed amici che sarebbe diventato padre: sono scatti semplici ma carichi di sentimento.

Buon viaggio

Tom Robinson Photography

18 commenti su “Quando a raccontare una storia sono “i piedi”

  1. sandroesposito
    24 febbraio 2012

    Semplicemente stupende, grazie per la segnalazione.

  2. robert che vola
    24 febbraio 2012

    E’ tardi ed ho dato solo una rapida occhiata, ma che belle foto! Vive! Grazie per la segnalazione, domani avrò molto da guardare…
    robert

  3. Paolo Zardi
    25 febbraio 2012

    Ciao, ti segnalo che ho provato a cliccare sui link, ma mi manda a una pagina di wordpress in cui mi dice che la pagina non esiste…
    Buona giornata!
    Paolo

    • colorsontheroad
      25 febbraio 2012

      Grazie Paolo, in effetti non funzionava, dovrei aver sistemato. Forse il venerdì sera non è il momento giusto per mettersi al computer…soprattutto con bambini e cane che saltellano intorno! Buon fine settimana

      • Paolo Zardi
        25 febbraio 2012

        perfetto, visto il sito, foto bellissime!

  4. Pingback: Coi piedi | La vita in immagini

  5. fbraghetta
    25 febbraio 2012

    Io che viaggio da sola, di piedi nelle foto ne metto solo 2…(vedi banner del mio blog)😦 Grazie della segnalazione!

    • colorsontheroad
      25 febbraio 2012

      Ciao ho dato uno sguardo al tuo blog e mi piace davvero tanto! Io è da un po’ che non viaggio con lo zaino sulle spalle, ma conto che presto ricominceremo a farlo tutti e quattro insieme! A presto🙂

  6. keypaxx
    25 febbraio 2012

    Certamente interessante e originale. Tutto ciò che è arte personale è sempre degno di attenzione e fascino. Come in questo caso.
    Un sorriso per un sereno fine settimana.
    ^____^

  7. labertage
    25 febbraio 2012

    Vabbeh, ecco che sono sempre controcorrente! Certo, anche a me piace l’idea del cammino fatto, condiviso, conquistato, da rincorrere…(e del piede come simbolo di questa strabiliante marcia di vita). Anche per me hanno fascino i paesaggi vissuti che tom robinson ci regala vivi (meravigliosamente contaminati dal reale, da cio’ che -in quel preciso istante della fotografia è presente dentro e fuori dall’inquadratura-) … Pero’ … Pero’ c’è in queste foto da “devi farne di strada chicco” qualcosa che mi disturba, lo sguardo e la mente. Qualcosa che graffia, prepotentemente, egocentricamente. Sarà forse una questione (molto personale) di prospettiva, pi maiuscola. Per fortuna “de gustibus…”😉 Comunque, le facce del volet “I’m going to be a dad” sono fenomenali! Baci

    • colorsontheroad
      25 febbraio 2012

      Onestamente non ho colto questa prospettiva graffiante, egocentrica: ho avuto l’impressione più che altro di un gioco che ripetuto nel tempo si è trasformato in un modo da raccontare, nulla di più e nulla di meno. Comunque ne ha visti di posti il ragazzo! I kiss you my lady!

  8. Leythiana
    26 febbraio 2012

    grazie per aver condiviso🙂

  9. Riyueren
    26 febbraio 2012

    Lo trovo molto bello.Grazie per averlo segnalato.Beato lui che viaggia…e non da solo, tra l’altro (parlo per invidia, è ovvio…per andare a Venezia in due ho dovuto ricordare a qualcuno che erano quasi 30 anni che non facevamo un viaggetto da soli..so già che è stato “una tantum”).

    • colorsontheroad
      27 febbraio 2012

      Anch’io in effetti ho pensato subito al fatto che a 30 anni ha già viaggiato tantissimo…e mi sono detta che sarà il caso di portare i nostri 8piedi+4zampe un po’ più in giro!

  10. Allegria di nubifragi
    27 febbraio 2012

    Ogni luogo la sua calzatura. Più che i paesaggi sono le scarpe ad attirare l’attenzione. Quella della neve è la mia preferita.
    http://allegriadinubifragi.wordpress.com/

    • colorsontheroad
      27 febbraio 2012

      Hai osservato qualcosa a cui non avevo prestato attenzione…in effetti ne viene fuori anche un variegato abbinamento luogo-scarpe!

Hai voglia di dirmi cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 24 febbraio 2012 da in fotografia con tag , .

Colorsontheroad su facebook

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Segui assieme ad altri 259 follower

Questione di diritto d’autore

Tutte le immagini e i testi contenuti in questo sito sono coperti da Copyright, pertanto non possono essere utilizzati, riprodotti, copiati, modificati, trasmessi, alterati senza il mio esplicito consenso. Per eventuali richieste siete invitati a contattarmi scrivendomi a giorgiacolors@gmail.com.

Archivi

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: