Colors on the Road

scoprire ogni giorno mille colori nella vita…

Vacanza a modo nostro

Eccomi qui a confermare che non riuscirò a dare un senso al caos di questa casa in fase post-vacanza, perciò sto valutando se prendere tutto ciò che si aggira senza fissa dimora e inscatolarlo tal quale pronto per un trasloco che chissà quando verrà, così mi tolgo il pensiero per un po’.

Per ora faccio finta di niente, aggiro gli ostacoli sparsi e mi rifugio nella mia casetta sull’albero (che sarebbe poi questo blog) cercando di tenere ancora in caldo per un po’ le frizzanti sensazioni della neve e della montagna, prima di prendere veramente coscienza di essere tornata nella mischia.

Neve e montagna dicevo, però a modo nostro: quando partiamo per qualunque vacanza/viaggio ci è perfettamente chiaro quello che cerchiamo e quello da cui fuggiamo: amiamo la tranquillità e non la folla, non ci piacciono i pacchetti all inclusive  e preferiamo definire noi stessi dettagli e tempi delle nostre giornate, siamo allergici ad animazioni di qualunque tipo, e possibilmente cerchiamo il contatto con persone, tradizioni, cibo del luogo che ci ospita.

Ora, finchè eravamo solo una coppia con due zaini sulle spalle, la riuscita dei nostri viaggi dipendeva quasi esclusivamente dalla direzione delle nostre scelte, mentre adesso a spostarsi è una tribù con due bambini under 7 e un cane….a quanto pare una combinazione considerata esplosiva dai più.

A questo punto qualche piccola precisazione è doverosa: 1) i nostri figli sono bambini vivaci, a cui piace giocare, ridere e talvolta cantare, ma viene loro quotidianamente insegnato a non invadere lo spazio altrui e a rispettare le regole del buon senso nei luoghi pubblici, 2) mi sento di dire con una certa sicurezza che non sono pericolosi, 3) così come non è pericoloso Paco, che è nel complesso un cane piuttosto pulito ed educato, infine 4) tutti e tre i giovanotti di casa sono in molti casi divertenti e in generale dei buoni compagni di viaggio. Tuttavia il fatto in sè di spostarsi con dei bambini sembra affibbiare una sorta di timbro che ti apre il magico mondo dello “studiato apposta per bambini” escludendoti però da tutto il resto, se poi aggiungiamo anche un 4 zampe allora le complicazioni si moltiplicano. Nulla da ridire sul fatto che alcune strutture o alcuni locali si specializzino sull’accoglienza di pargoli scatenati, quello che non mi va giù è il principio secondo cui i bambini stiano meglio se confinati in uno spazio per loro piuttosto che integrati negli spazi che noi adulti desideriamo frequentare. Mi è capitato che ci venisse chiesto di scegliere un tavolo nell’angolo più lontano se proprio non potevamo evitare di mangiare in quel ristorante, e ho assistito a malumori borbottanti per i commenti di alcuni bambini ad una mostra fotografica (commenti che io invece ho seguito con interesse in quanto spontanei, attinenti e talvolta particolarmente arguti). Mi sorprendo piacevolmente quando scopro degli anfratti di mondo dove la cultura e i piaceri della socialità non sono destinati ad un pubblico di soli adulti mentre al bambino sono riservati spazi su misura nell’attesa che diventi abbastanza grande da uniformarsi alla folla. Probabilmente qualcuo non sarà d’accordo, di sicuro non lo sarà qualcuno a cui è capitato di prendersi una palla di risotto al tartufo sulla fronte al ristorante, o di finire lungo disteso come uno zerbino per uno sgambetto al museo quando c’erano bambini nei paraggi (sto solo immaginando…), ma in questi casi le premesse di buona educazione e buon senso non sono rispettate….perciò non vale😉

3 commenti su “Vacanza a modo nostro

  1. labambinacolpalloncino
    31 gennaio 2012

    qualcuno vorrebbe inscatolare anche gli esseri umani come gli oggetti del tuo futuro eventuale trasloco😦

  2. robert che vola
    2 febbraio 2012

    ” nell’attesa che diventi abbastanza grande da uniformarsi alla folla” uniformarsi sembra oggi la parola magica, soprattutto uniformarsi a non pensare, a sedersi davanti alla tv, a non saper fare commenti, a non…ma mi sembra ci siano le premesse per le quali i tuoi bambini non si uniformeranno…bene…
    robert

Hai voglia di dirmi cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 31 gennaio 2012 da in dogs, famiglia, fotografia, kids, viaggiare con tag , , , , , .

Colorsontheroad su facebook

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Segui assieme ad altri 259 follower

Questione di diritto d’autore

Tutte le immagini e i testi contenuti in questo sito sono coperti da Copyright, pertanto non possono essere utilizzati, riprodotti, copiati, modificati, trasmessi, alterati senza il mio esplicito consenso. Per eventuali richieste siete invitati a contattarmi scrivendomi a giorgiacolors@gmail.com.

Archivi

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: